Vini Gemischter Satz di Vienna

Presidio Slow Food

Filari che scendono ripidi e, al fondo, la città di Vienna e il suo fiume, il Danubio.
Osterie con i tavoli di legno accanto ai vigneti dove si mangia maiale, crauti, knödel, mentre le caraffe di vino bianco ghiacciato vanno e vengono. Un luogo unico al mondo. Settecento ettari di vigneti che circondano la città e trecento vignaioli: tutti nel comune di Vienna.

In questo luogo esiste una tradizione altrettanto unica: il Gemischter Satz, la “vigna mista”. Una tecnica antica, che ancora caratterizza almeno 50-70 ettari, e vede la presenza di diversi vitigni – fino a venti – nello stesso vigneto.
Niente a che vedere con il metodo cuvée o con gli uvaggi dove la miscela è in vigna.
Tutte le uve sono a bacca bianca, ma hanno ruoli diversi: ci sono uve di base (come il Pinot Bianco e il Grüner Veltiner), quelle che danno acidità (come il Riesling Renano) e quelle che danno aromaticità (come il Muskateller e il Traminer). Ogni vino è diverso, ma tutti esprimono un forte legame con il territorio.

Nessuno conosce esattamente l’origine di questo sistema di coltivazione. Probabilmente nasceva dalla necessità di preservare almeno una parte del raccolto in caso di maltempo, gelate e malattie.
Fino agli anni Novanta, il vino che se ne ricavava era considerato di scarso valore, un vinello leggero da bere giovane. Oggi la situazione è radicalmente cambiata: un gruppo di circa 20 produttori ha dimostrato che i Gemischter Satz possono essere vini di grande personalità.

Ad aprire la strada è stato Fritz Wieninger, che coltiva 35 ettari (secondo il sistema biodinamico) sulle colline viennesi e che sa gestire le sue vigne miste con la maestria di un direttore di orchestra.
Wieninger ci spiega che è importante mescolare vitigni tardivi e precoci, capire qual è il momento giusto di raccolta, dosare aromi esotici con freschezza e acidità. Un equilibrio complesso, un gioco di prestigio che richiede l’esperienza e la sensibilità di un grande vignaiolo.

Sostenuto da

Contatti

TEL: +43 12901012

Info


Vienna ()
Austria

Il Presidio è stato creato con un obiettivo principalmente culturale: raccontare, far conoscere, preservare e incentivare la tradizione dei vigneti misti.

Nel 2009 è nata un’associazione di produttori, con un disciplinare comune. Le regole principali riguardano il numero minimo di vitigni da prevedere nello stesso vigneto, la sostenibilità delle tecniche di coltivazione che comporta l’esclusione dalle tecniche di cantine dell’uso di barrique nuove, il divieto nell’uso di diserbanti e lieviti artificiali.

L’obiettivo fondamentale dell’associazione è quello di proteggere, preservare e certificare il tradizionale metodo di vinificazione viennese. Inoltre si intende incentivare la creazione di nuovi vigneti Gemischter Satz autentici.

Area di produzione
Comune di Vienna

 

Produttori

Franz Michael Mayer, tel.+43 69912027785, www.fm-vitikultur.at

Fritz Wieninger, Stammersdorfer Str. 80, 1210 Wien, tel.+43 12901012, www.wieninger.at

Stefan Hajszan, Grinzinger Str. 86, 1190 Wien, tel.+43 13707237, www.hajszan.com

Gsöls, Himmelstr. 19, 1190 Wien, tel.+43 13205893, www.zumberger.at

Kierlinger, Kahlenberger Str. 20, 1190 Wien, tel.+43 13702264, www.kierlinger.at

Martin Obermann, Cobenzlg. 102, 1190 Wien, tel.+43 13284341, www.weinbauobermann.at

Michael Edlmoser, Maurer Lange-Gasse 123, 1230 Wien, tel.+43/1/889 86 80, www.edlmoser.at

Norbert Zawodsky, Reinischg. 3, 1190 Wien, tel.+43/1/320 79 78, www.zawodsky.at

Peter Uhler, tel.+43/660/533 75 51, www.weinuhler.at

Rainer Christ, Amtsstr. 10-14, 1210 Wien, tel.+43/1/292 51 52, www.weingut-christ.at

Richard Zahel, Maurer Hauptpl. 9, 1230 Wien, tel.+43/1/889 13 18, www.zahel.at

Weingut Cobenzl, Am Cobenzl 96, 1190 Wien, tel.+43/1/320 58 05, www.weingutcobenzl.at

Weingut Dr. Georg Wailand, office@wailandwein.at, www.wailandwein.at

Wolfgang Wagner, tel. +43/664/510 38 13

Ultima modifica: 06 Dic 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina