La Tenuta Castello dispone di 500 ettari di terreni agricoli di cui 120 coltivati a riso delle migliori varietà con produzione prevalentemente biologica (85%). I residui terreni sono costituiti da pascoli anche montani, dove i bovini trascorrono i mesi estivi.

Orgoglio dell’azienda è il Carnaroli Classico (in purezza al 100%), prodotto da semente certificata dall’Ente Nazionale Sementi Elette, che viene essiccato a bassa temperatura con una leggerissima pilatura a pietra per mantenere inalterata la qualità del chicco. Più scuro, quindi, più “brutto” ma con minor rischio di innalzamento dell’ indice glicemico, miglior tenuta alla cottura e soprattutto più gusto.

In un’ottica di economia circolare, nel 2004 abbiamo avviato un allevamento di bovini di Razza Piemontese, in modo che  l’azienda potesse produrre da sé il concime usato nella coltivazione. Tutti i nostri capi si nutrono di foraggio coltivato sui nostri terreni biologici, trinciato e/o farine biologiche derivanti dalla lavorazione di riso e di farina di mais biologica.

Queste alcune delle nostre procedure all’insegna del rispetto della natura sia in fase di preparazione dei terreni sia dopo il raccolto:

  • La preparazione dei terreni prevede infatti l’utilizzo del letame biologico delle nostre mucche e gli avvicendamenti annuali delle coltivazioni. Poniamo la massima attenzione al contenimento delle emissioni di carbonio nell’aria attraverso una scarsa areazione del terreno, ottenuta sia grazie l’uso di lavorazioni soft (leggera erpicatura) sia mantenendo tutto l’anno colture verdi che generino ossigeno per fotosintesi.
  • Dopo il raccolto si semina un mix di loietto, veccia e trifoglio con semi selezionati e biologici, ad aprile si effettua il sovescio, successivamente si allagano i terreni con 1-2 cm. di acqua e si lasciano crescere le erbe infestanti (procedimento detto falsa semina) per 10/15 giorni. Si interviene poi sui terreni con appositi erpici per sradicare ed interrare le erbe infestanti appena nate. Assolutamente senza fare uso di diserbanti, si procede quindi con la semina vera e propria del riso biologico e si allagano i coltivi.

Da maggio 2020 abbiamo utilizzato la pacciamatura verde su parte dei terreni. Essa consiste nel pressare a terra gli erbai seminati in autunno così da formare sul terreno un tappeto (pacciamatura) che fermenta ed impedisce la nascita di erbe infestanti e successivamente si semina il riso biologico.

Contatti

TEL: +39 375 5983966

Info

Piazza Castello, 8
13034 DESANA (VC)
Italia

La filosofia aziendale fa il metodo… ed il metodo fa il prodotto finale. Questo è il filo conduttore della Tenuta Castello: un’azienda che segue tutta la filiera produttiva dal campo alla tavola e nella quale ogni ettaro di terreno e ogni chicco di riso rispecchiano i valori in cui crediamo.

Dalle foto si vedono l’impegno, il lavoro e le conoscenze che da generazioni vengono tramandate:

  • rispetto per la terra e mantenimento dell’ecosistema
  • assenza di sostanze chimiche nella coltivazione e lavorazione del nostro riso biologico
  • continua ricerca per migliorare i nostri metodi di coltivazione biologica
  • totale ricircolo aziendale per il quale nulla è uno scarto e tutto può essere utile all’agricoltura. Per esempio, il letame dei nostri bovini viene usato come concime per il riso, mentre alcuni sottoprodotti della lavorazione del riso vengono dati da mangiare ai bovini come integratore alimentare
  • lavorazione artigianale e molto leggera del riso per mantenerne intatte tutte le qualità

Ultima modifica: 29 Nov 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina