APOL scarl - la filiera degli olivicoltori liguri

Immagina un olio che renda più virtuoso qualsiasi piatto, a partire dai pilastri della cucina ligure: dal pesto ai testaroli, dalla sardenaria alla focaccia, dalla farinata al minestrone. E sì, anche i dolci, è ora di infrangere il tabù e dare sfogo alla creatività!

Fatto? E adesso che riesci a immaginare il sapore di ÖIE, immagina che in Liguria ci sia qualcuno che ogni giorno garantisca una gestione etica dei territori, delle piante, del lavoro.

Ebbene sì, quel “qualcuno” esiste: è APOL, l’associazione di olivicoltori dietro a ogni goccia di ÖIE e ogni singola oliva, e che fa sì che siano buoni per tutti i sensi e anche in tutti i sensi.

 

ÖIE è frutto della nostra filiera corta con una doppia garanzia: la certificazione DOP Riviera Ligure e quella ISO 22005:08 che rendono la provenienza e il percorso dell’olio ÖIE 100% trasparente, dalla pianta al confezionamento.
Ecco perché è buono per tutti, anche per chi ci lavora.

Sostenuto da

Info

XX Settembre, 21
16121 Genova (Ge)
Italia
  • ÖIE è uno dei modi in cui si dive “olive” in dialetto ligure.
    Il suo nome plurale include le numerose olive autoctone adoperate e la molteplicità di persone che, tutte insieme, ne fanno parte.
  • ÖIE è un vero ligure: aspro solo in apparenza, nasconde dentro di sé la tenacia e il coraggio dei guardiani del suo territorio, che preservano i terreni dalle erosioni del tempo e li curano con equilibrio e senza sprechi, da bravi liguri.

Sei di fronte a un marchio eroico, che con il suo mantello ampio e generoso accoglie le olive di tutto il territorio e ne rispetta la produzione, i tempi, le annate. A ÖIE piace cambiare nel tempo proprio perché segue la natura.

Se guardi bene, nella confezione trovi il terreno ligure, la sua conformazione battuta dal vento, la passione degli olivicoltori, le raccolte faticose ma felici e le lavorazioni locali.

Curiamo le olive sull’albero, le raccogliamo al momento giusto e le lavoriamo immediatamente, perché le olive liguri mica si possono far aspettare, potrebbero impermalosirsi!

  • ÖIE vuol dire olive felici. Così da Ponente a Levante la dolcezza della Taggiasca diventa suggestione con la Pignola e incanto con la Lavagnina, fino al carattere della Razzola.
  • Un olio forte delle sue origini che ne esprime tutta la ricchezza nel gusto, rendendo ancora più speciale ogni piatto della tradizione – e non! – che incontra.

Conquista già dal colore giallo dorato con riflessi verdi, mentre all’olfatto si sente subito, risulta fruttato leggero prevalentemente maturo. Chiudendo gli occhi arrivano i sentori di carciofo e il retrogusto di mandorla, mela ed erbe aromatiche. Amaro e piccante sono in grande equilibrio, contenuti e armonici.

Dà il suo massimo su insalate di mare, crostacei al vapore, pesci alla griglia, carni bianche al forno e formaggi freschi. Ideale per la preparazione della Mesciùa, la zuppa tipica della cucina spezzina, a base di farro e legumi.

  • Scegliendo ÖIE, non solo metti in tavola il sapore del nostro territorio e la passione dei nostri olivicoltori, ma sposi con noi la voglia di farcela, tutti insieme. Perché insieme fila tutto liscio, come l’olio.
  • Scegliendo ÖIE puoi diventare un vero cultore dell’olio e delle olive, aprendo le porte di una sapienza ricca e preziosa racchiusa nel lavoro cooperativo di APOL, che possiede un Panel di assaggio riconosciuto e uno staff di tecnici e divulgatori per approfondire le tue conoscenze sulle olive e sull’olio.

Ultima modifica: 30 Nov 2021
I contenuti di questa pagina sono inseriti direttamente dal produttore, Slow Food declina responsabilità su contenuti in appropriati. Segnala pagina